Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 20/01/2018, 6:56



Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Un orso fiaccato morde due volte 
Autore Messaggio
Spammer
Avatar utente

Iscritto il: 12/08/2011, 18:33
Messaggi: 727
Località: La mitica e splendente CANEVA!
Messaggio Un orso fiaccato morde due volte
Sera della Domenica appena trascorsa - Poco fuori Osperdium .

Rarek aveva camminato fino a che oltre che l'orgoglio anche i piedi iniziavano a dare segni di cedimento , per tutta la strada aveva avuto la sensazione di volersi lasciare andare e stramazzare al suolo mentre la sua ultima vena di orgoglio strillava ormai impotente la sua disapprovazione ; ma ogni volta che stava per cadere Susan era li.
Passo dopo passo giunse alla Locanda dove lui e Marcus s'erano fermati a mangiare un delizioso stufato prima di partire definitivamente per il sestiere Nord e fù sulla soglia che al TestadiMarmo parve proprio di rivederlo, ma fu solo un allucinazione dovuta probabilmente a quella giornata troppo lunga .

Fino a che non fosse stata diramata la notizia Rarek restava pur sempre un diarca e proprio qui aveva già esibito i documenti al taverniere che lo accolse quindi bonariamente , prima di rabbrividire notandone le condizioni .

Accompagnarono quello che ancora credevano il diarca in una delle stanze più appartate e qui gli lavarono il corpo chiudendogli le ferite più superficiali , con sommo ringraziemento da parte di Rarek che si abbandonò durante il processo in un pesantissimo sonno ristoratore;o almeno così credeva .
L'abbraccio di Morfeo si era rivelato carico di false promesse , nel sonno Rarek venne pugnalato dalle molte immagini del giorno che fù ...
Dapprima vide la sua dama Johanna come incatenata che con un oscuro velo sul capo camminare sperduta reggendo nelle sue mani un cuore che ad ogni pulsazione le illuminava il passo , avrebbe voluto camminare al suo fianco ma qualcosa sembrava trattenerlo per la spalla quando si voltò tutto si fece scuro e in quel vorticare di tenebre un demone fatto di pura notte con gl'occhi di rubino s'era formato e stava falciando la sua città come i contadini mietono il grano . Gavril era in prima linea e combatteva valorosamente mentre Rarek di ascia in petto cercava di aprirsi un varco per aiutarlo...ma la strada si faceva sempre piu lunga ed i passi sempre più lenti , con tutta la forza che aveva in cuore tentò un'ultimo scatto verso il compagno ma il demone lo trafisse approfittando proprio di quel momento in Gavril si era girato rinfrancato nel vedere il suo compagno; e tutto fù nuovamente buio . Rarek s'alzò tremante scosastando le coperte come fossero serpi strisciate fuori dai meandri più oscuri della sua mente , era tornato il silenzio finalmente e il TestadiMarmo si accorse solo ora che il suo respiro condensava in nuvole di vapore , alzò lo sguardo e apprese che non c'era nessuna candela accesa ne focolari a scaldarlo , fiaccato scese dal giaciglio per accendere almeno uno dei candelieri che si trovavano vicino alla scivania ma appena lo accese ...dalla sua ombra prese a strisciare lo stesso demone che prima l'aveva tormentato nei sogni ,crebbe fino oltre quello che le malconcie assi della stanza potevano contenere per poi ritrarsi di colpo e condensarsi nella forma del male . Cornelio.

Appena ne vide il volto fù subito mattina . Era sveglio , stavolta per davvero e di questo rese grazie a Magnus .
Dopo aver indossato nuovamente i suoi abiti e la sua armatura che erano stati generosamente riparati durante la notte dalla famiglia del taverniere il diarca si concesse un pasto frugale contornato di pensieri ingrigiti dal pallido sole invernale e si scoprì a pensare che forse come il ghiaccio frantuma la roccia forse anche i cuori degli uomini potevano spezzarsi con più facilità durante gl'inverni .
Approfittando ancora della sua figura non ancora smentita Rarek fece scrivere Sofia , l'amorevole moglie del taverniere alcune lettere e le affidò a Semola un bravo ragazzo che ricompensò con 2 monete di rame in cambio del suo servizio , ossia quello di portare dette lettere ad Osperdium.

_________________
Lo Sturalavandini.
Insieme i soldati erano come una lama dorata, che abbatte i nemici e sfregia l'oscurità .

Si ricordano :

Roy la Carpa amico del popolo...
Nicovante della Richinvelda ...grande mago...xD


13/12/2017, 16:12
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010